Fragola di Terracina

Nomi locali e suoi sinonimi Fragola Favette di Terracina

Categoria del prodotto Prodotti vegetali allo stato naturali o trasformati

Aree di rinvenimento del Prodotto Fondi (LT), Monte San Biagio (LT), Pontinia (LT), Priverno (LT), Sabaudia (LT), San Felice Circeo (LT), Sonnino (LT), Terracina (LT)

Descrizione del prodotto Il prodotto deriva esclusivamente dall'impiego di una varietà di origine francese, "Favette", introdotta nel territorio in esame circa 50 anni fa e ancora oggi presente, grazie alle favorevoli condizioni pedoclimatcihe che le hanno consentito di attecchire esclusivamente in questa zona. Ciò potrebbe essere erroneamente ritenuto un punto debole del sistema considerato il rapido turn-over degli standard varietali che caratterizza le altre aree fragolicole italiane, invece, è decisamente un punto di forza dettato proprio dalla specificità e storicità di questa varietà, coltivata a livello mondiale solo in questo areale. La Fragola Favette di Terracina presentauna forma tonda-circolare, di colore rosso intenso e con un sapore molto più dolce rispetto alle altre varietà che risultano anche meno profumate e più consistenti.

Materiali utilizzati nella tradizione locale Attrezzi agricoli, film plastico, cestini in plastica, cassette in plastica.

Locali utilizzati nella tradizione locale Centri aziendali per il confezionamento o stoccaggio in celle frigo.

Elementi di tradizionalita' del processo produttivo Il prodotto deriva esclusivamente dall'impiego di una varietà di origine francese "Favette", introdotta nel territorio in esame circa 50 anni fa.

Storia tradizionale del Prodotto Frutto nobile, decantato da Ovidio, Plinio e Virgilio, trova, all'indomani della bonifica delle paludi pontine, terreno favorevole per l'impianto. A partire dalla fine degli anni '50, gli agricoltori dell'areale oggetto di caratterizzazione hanno favorevolmente accolto la proposta di un'azienda sementiera francese di impiantare una nuova varietà di fragola: la Favette. Intenzione dell'azienda era diffondere la cultivar in tutto il mondo, ma qualcosa non ha funzionato. Questo frutto dolcissimo riesce a trovare terreno favorevole solo nella pianura Pontina, in un'estensione di poco più di 100 ha, pertanto, l'azienda decide di non rinnovare il brevetto. Da allora, nella zona, la conservazione del seme avviene ad opera degli stessi agricoltori che mandano a fioritura le piantine.

Tipologia produzione Attiva

Periodo di produzione Da fine marzo in serra a fine giugno in pieno campo, permettendo al prodotto di arrivare sul mercato in forma scaglionata nel corso della campagna commerciale.

Mercato di riferimento Roma, Italia del Nord

Fragola di Terracina ©
By Italiaonline Fonte: Fotolia
Prodotto PAT
Prodotti Agroalimentari Tradizionali
Fonte ARSIAL Regione Lazio

Seguici su Facebook e scopri il meglio della tavola italiana

Altri prodotti in Frutta fresca e secca

Sponsorizzati: